BOLIVIA

IL CUORE DI SALE DEL SUDAMERICA

Viaggio in Bolivia

Un viaggio in Bolivia non vuole dire solo partire verso il cuore geografico del Sudamerica, ma anche viverne l’anima e le radici indigene, entrambe profondamente legate alla cultura tradizionale.

La Bolivia è il paese più povero dell’America latina, ma è ricchissimo di testimonianze storiche con i resti misteriosi delle civiltà precolombiane e le vestigia fastose della colonia. Il suo tesoro sono gli ambienti naturali diversi, grandi laghi salati, deserti, lagune e altitudini andine, sempre popolati dai colorati e singolari costumi degli indigeni.

 

Inizia insieme a noi il tuo viaggio in Bolivia:
– Viaggio in Bolivia cosa vedere
– Viaggio in Bolivia quando andare
– Il Salar de Uyuni
– Soroche
– Viaggio in Bolivia consigli

 

Viaggio in Bolivia cosa vedere

Al centro dell’America Latina, ma priva di sbocchi sul mare, la Bolivia rimane fino ad oggi una terra incontaminata. La sua particolarità è di essere per la quasi totalità del territorio in quota.

Solo Santa Cruz è infatti ad un’altitudine di “soli” 400 metri sul livello del mare. Per questo motivo, l’aeroporto internazionale si trova qui, seppur Santa Cruz non offra particolari punti di interesse.

Sarà da qui che inizierà il vostro viaggio in Bolivia, per proseguire subito verso Sucre.

Il territorio di questo paese è molto vario: foreste sul bassopiano tropicale orientale, deserti sugli altipiani occidentali. Più un fazzoletto nel sud ovest occupato dal deserto di sale più grande al mondo: il Salar de Uyuni.
L’enorme distesa bianca è l’habitat di fenicotteri e cactus giganti, gli unici in grado di sopravvivere nello sterile terreno.

Il tutto inframezzato a geyser e caverne, che custodiscono resti archeologici precolombiani.
In aggiunta all’aspetto naturalistico, c’è quello coloniale e archeologico. Da non perdere durante il tuo viaggio in Bolivia La Paz, le rovine Inca di Tiahuanaco, le miniere e la città bianca di Sucre.

 

Viaggio in Bolivia quando andare

I panorami naturali dei deserti andini e delle lagune meridionali sono unici e rappresentano la ragione principale di un viaggio in Bolivia.
È proprio ragione di Atacama, dove si trova il Salar, a determinare la scelta del periodo di viaggio.

Sono famosissime le fotografie delle distese di acqua, dove il cielo si confonde con la terra. Questo è il periodo delle maggiori precipitazioni, molto pittoresco, che rende però impraticabili le aree più interne del deserto di sale. Tra gennaio e febbraio, l’acqua si mescola al sale creando una poltiglia e solo le creste marginali del Salar sono visitabili.

Il periodo migliore è dunque quando quest’area è secca, tra aprile e ottobre, preferendo una preferenza ad aprile-maggio oppure settembre-ottobre.
In questi mesi infatti le temperature, durante la notte non scendono troppo sotto lo zero e le giornate sono assolate.

Un consiglio per rendere la tua esperienza indimenticabile? Prenota almeno una notte in un albergo di sale con vista Salar. Inizierai la tua giornata con un panorama unico al mondo.

 

Il Salar de Uyuni

La più grande distesa di sale del mondo, 12.000 km² di deserto nell’altopiano andino meridionale della Bolivia, a 3.650 m di quota. Si stima che il Salar contenga 10 miliardi di tonnellate di sale, di cui meno di 25.000 tonnellate vengono estratte annualmente, un terzo delle riserve di Litio del pianeta e importanti quantità di Potassio, Boro e Magnesio.

Secondo le leggende Inca nel deserto le carovane rischiano di venir inghiottite dagli Ojos de Salar, buchi nella superficie salata da dove esce l’acqua sottostante, e che, in certe condizioni di luce, sono quasi invisibili.

Nel Salar si trova l’Isla del pescado, detta anche Incahuasi, casa dell’Inca, un isolotto di sedimenti calcarei marini e materiale vulcanico, che si eleva 102 m dalla superficie del deserto, raggiungibile esclusivamente in moto o con jeep. Nell’isola sono stati trovati giacimenti archeologici della cultura Tiahuanaco, rovine Inca, caverne, gallerie naturali e un bosco di cactus.

Al margine del deserto è stata scoperta una caverna con mummie di 3.000 anni.

Nella stagione secca la superficie bianca del Salar produce allucinazioni e miraggi, durante la stagione delle piogge la superficie è sommersa e riflette il cielo in modo molto spettacolare. Il salar de Uyuni è citato tra i dieci luoghi più salati, naturalmente, del mondo.

 

Soroche

Viaggiando ad alta quota è normale che il nostro corpo sperimento il mal di montagna: il Soroche, come lo chiamano in America Latina.
Di solito i primi sintomi si presentano a 2500 metri d’altezza, leggeri mal di testa, spossatezza e affanno.

Il soroche è dovuto al fatto che man mano che si sale di quota la pressione atmosferica scende, così come la concentrazione di ossigeno. Non tutti i viaggiatori ne soffrono, ma se ti capiterà, ci sono alcune precauzione che ti permetteranno di goderti comunque il tuo viaggio in Bolivia.

Si parte con l’adattamento graduale. Oltre una certa altitudine, dai modo al tuo corpo di abituarsi: niente corse, anche se solitamente fai sport, pasti leggeri e niente alcool, anche se non soffri di problemi di stomaco.
Idratarsi molto aiuta, per questo troverai le tisane locali (tra cui il mate de coca) molto utili.

Sempre in questo senso, esistono dei medicinali diuretici da poter assumere, ma sempre previo consulto con il proprio medico. Sconsigliamo di prenderli autonomamente.

Infine, poiché è la mancanza di ossigeno a generare il soroche, scegli veicoli e hotel che siano attrezzati con delle bombole. In caso di malessere potrai prenderne una boccata e trovare sollievo.

 

Viaggio in Bolivia consigli

Un viaggio in Bolivia è un tour in movimento costante, spesso su terreni non asfaltati e lontani dalle comodità dei resort. Un abbigliamento comodo e scarpe adatte a camminate in montagna, sono imprescindibili.

Non dimenticare che sarai in quota, le temperature possono variare molto dal mattino presto quando inizierà la tua giornata, alle ore centrali, soprattutto se si tratterà di giornate soleggiate. Vestirsi a strati è importante, così come avere con sé una buona protezione solare.

La parte sud dell’itinerario richiede necessariamente di muoversi con jeep 4×4: privilegia chi sceglie veicoli confortevoli e moderni. Niente di peggio che un viaggio senza sospensioni adeguate!

Oggi, i cittadini italiani possono viaggiare per turismo in Bolivia. Sono necessari il passaporto con validità minima residua di 6 mesi.
La vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria.

Controlla il sito ufficiale di VIAGGIARE SICURI per gli ultimi aggiornamenti.

 

È il momento di iniziare il tuo viaggio: si parte a Maggio 2024.

MAPPA DEL VIAGGIO

mappa viaggio bolivia

 

Programma di viaggio in breve

1° giorno, domenica 5 maggio 2024: Milano Malpensa > Madrid > (Santa Cruz de la Sierra)
Ritrovo dei signori partecipanti nel pomeriggio all’aeroporto di Milano Malpensa e partenza con volo di linea Air Europa UX1062 delle 18h15 per Madrid. All’arrivo, previsto alle 20h35 dopo 2h20’ di volo, coincidenza con il volo Air Europa UX0025 per Santa Cruz de la Sierra delle 23h35. Pernottamento a bordo.

2° giorno, lunedì 6 maggio 2024: Santa Cruz de la Sierra > Sucre
Pensione completa. Arrivo previsto a Santa Cruz de la Sierra alle 4h40 locali dopo 10h05’ di volo. Accoglienza in aeroporto e prima colazione. A seguire imbarco sul volo nazionale per la capitale Sucre (durata di 45’). All’arrivo, trasferimento in hotel in mattinata e sistemazione nelle camere riservate. Nel pomeriggio visita di città.

3° giorno, martedì 7 maggio 2024: Sucre
Pensione completa. Intera giornata dedicata alle visite di Sucre.

4° giorno, mercoledì 8 maggio 2024: Sucre > Potosí
Pensione completa. In mattinata, partenza per Potosí (150 km, 3h). Nel pomeriggio visita al Cerro Rico, la montagna ricca, con ingresso alla miniera coloniale ancora attiva.

5° giorno, giovedì 9 maggio 2024: Potosí > Pulacayo > Uyuni
Pensione completa. Mattinata dedicata alla visita a piedi del centro coloniale. Proseguimento con la visita della Real Casa de la Moneda, la Zecca di Stato. Nel primo pomeriggio trasferimento privato verso la città abbandonata di Pulacayo (185 km, 3h30’) dove si trovava la “miniera d’argento più famosa del 19° secolo”. Al termine, proseguimento verso Uyuni (20 km, 30’) e sistemazione nelle camere riservate.

6° giorno, venerdì 10 maggio 2024: Uyuni > Salar de Uyuni> Isola di Incahuasi > San Pedro de Quemez
Pensione completa. Partenza con jeep 4×4 e inizio dell’avventura andina (percorso giornaliero 250 km circa). Intera giornata dedicata al deserto salato di Uyuni, inclusa l’isola di Incahuasi. Tempo a disposizione per un piccolo trekking sino alla sommità dell’isola per ammirare lo splendido panorama (salita circa 1h30). Pranzo nel mezzo del deserto di sale. Nel pomeriggio proseguimento per le grotte de las Galaxias. Nel tardo pomeriggio arrivo al villaggio di San Pedro de Quemez, discesa in hotel e sistemazione nelle camere riservate.

7° giorno, sabato 11 maggio 2024: San Pedro de Quemez > San Juan > Ollague > Siloli > Ojo de Perdiz
Pensione completa.
Partenza con jeep lungo le piste del deserto (percorso giornaliero circa 210 km): Prima sosta al villaggio di San Juan (45 km, 1h) dove si visiterà il sito archeologico che ospita una estesa necropoli formata da particolari tombe in pietra che ancora racchiudono le antiche mummie. Proseguimento attraverso il deserto di Chiguana fino ad Ollague (80 km, 2h) da cui è possibile ammirare una serie di vulcani di cui uno ancora fumante. Nel pomeriggio si visiteranno una collana di piccole lagune altiplaniche circondate da alte montagne dai mille colori. Arrivo al deserto di Siloli e discesa in hotel in località Ojo de Perdiz. Sistemazione nelle camere riservate.

8° giorno, domenica 12 maggio 2024: Ojo de Perdiz > Laguna Colorada > Riserva Nazionale della Fauna Andina Eduardo Avaroa > Laguna Verde > San Cristobal
Pensione completa.
Partenza con jeep verso sud (percorso giornaliero circa 450 km). Prima sosta per visitare l’albero di pietra. Proseguimento verso la Laguna Colorada. A seguire appena superato un passo situato a quasi 5.000 metri si giunge in vista di Sol de Mañana, una serie di geyser gorgoglianti a formare uno scenario da inferno dantesco. Viaggiando sempre più a sud si giungerà molto vicini al confine cileno nei pressi della Laguna Verde, un lago verde-azzurro su cui si affaccia il vulcano Licancabur. Da qui si farà inversione di marcia e, passando per il deserto Dalì, si rientrerà verso nord. Sosta alle terme di Polques affacciate sulla laguna di Chalquiri. I più coraggiosi potranno sperimentare l’ebbrezza di un bagno caldo a 4.400 metri fra vigogne e fenicotteri. Arrivo a San Cristobal in serata e sistemazione in hotel nelle camere riservate.

9° giorno, lunedì 13 maggio 2024: San Cristobal > Colchani > Uyuni
Pensione completa.
Dopo una breve visita al piccolo paese minerario di San Cristobal partenza con jeep per Uyuni (100 km). Sosta alla Valle delle rocce. Alle porte di Uyuni sosta al cimitero dei treni. Proseguimento e sosta al villaggio di Colchani e sistemazione in eco-hotel n posizione panoramica e interamente costruito con blocchi di sale.

10° giorno, martedì 14 maggio 2024: Colchani > La Paz
Pensione completa.
Dopo la colazione, trasferimento in tempo utile all’aeroporto di Uyuni e volo nazionale per La Paz della durata di 1h. Arrivo all’aeroporto di El Alto situato a 4.150m slm e pomeriggio dedicato alla visita di La Paz.

11° giorno, mercoledì 15 maggio 2024: La Paz > Tiahuanaco > Santa Cruz de la Sierra
Prima colazione e pranzo. Cena libera.
Partenza per il sito archeologico di Tiahuanaco (70 Km, 2h) e visita di quello che un tempo era il centro politico e cerimoniale della civiltà Tiahuanaco. Nel tardo pomeriggio trasferimento in aeroporto per il volo nazionale verso Santa Cruz della durata di 1h05’. All’arrivo, accoglienza in aeroporto e sistemazione nelle camere riservate.

12° giorno, giovedì 16 maggio 2024: Santa Cruz de la Sierra > (Madrid)
Prima colazione.
Trasferimento all’aeroporto in tempo utile per l’imbarco sul volo Air Europa UX0026 delle 12h20 per Madrid.

13° giorno, venerdì 17 maggio 2024: (Madrid) > Milano
All’arrivo a Madrid, previsto alle 5h10 dopo 11h50’ di volo, coincidenza con volo Air Europa UX1065 delle 07h30 per Milano. L’arrivo all’aeroporto di Milano Malpensa è previsto alle 9h35 dopo 2h05’ di volo. Fine dei nostri servizi.
r le 14h20, ora locale. Fine dei nostri servizi.

TOUR GALLERY

viaggio-bolivia-laguna-colorada
viaggio-bolivia
viaggio-bolivia-lago
viaggio-bolivia-la-paz
viaggio-bolivia-salar-uyuni
viaggio-bolivia-laguna-colorada
viaggio-bolivia
viaggio-bolivia-lago
viaggio-bolivia-la-paz
viaggio-bolivia-salar-uyuni
facebook