MAROCCO

DALL'ATLANTE ALL'ATLANTICO

Viaggio in Marocco città imperiali

Il Marocco occupa la porzione più occidentale dell’area chiamata Maghreb, letteralmente “luogo del tramonto”, in contrapposizione al Mashreq, ovvero il levante a est dell’Egitto.
Un viaggio in Marocco e città imperiali accende un arcobaleno di tonalità. Rosa, rosso e ocra che infiammano le sabbie del deserto. Le euforbie accendono di verde le coste orlate del profondo blu dell’oceano, la neve imbianca le più alte vette dell’Atlante e il puro celeste del cielo aggiunge un formidabile contrasto cromatico al paesaggio.

Con questo viaggio ti portiamo alla scoperta delle città imperiali: Fès, Marrakech, Rabat e Meknès. Qui le dinastie di regnanti stabilirono le residenze, aumentandone il fascino con i propri palazzi, attorno alle medine.

Prima di loro, il territorio era dominato dai berberi, le tribù semi nomadi che ancora oggi abitano l’entroterra. Il loro retaggio ha lasciato un segno indelebile nel Marocco odierno, plasmando una cultura trasversale al tempo.

 

Inizia insieme a noi il tuo viaggio in Marocco e città imperiali:
– Viaggio in Marocco città imperiali
– Viaggio in Marocco: Marrakech
– I Berberi
– Viaggio in Marocco consigli

 

Viaggio in Marocco città imperiali

Rabat unisce il Marocco perché ne è l’odierna e l’antica capitale. Situata sulla costa atlantica sulla sponda sinistra del fiume Bouregreg, fu fondata il 1.150.

Il suo primo nucleo è quello che oggi è conosciuta come la futura casbah degli Oudaïa, una moschea e una residenza. Alla fine del XII secolo fu costruita una imponente cinta a protezione dei lati sud e ovest della città. Nel muro occidentale si aprivano quattro porte, una delle quali, Bab er-Rouah, è un capolavoro di estetica monumentale in pietra.

Lungo le mura della medina hanno luogo i mercati settimanali, tra cui quelli di Souq el Had.

Fes è una delle città sante del Marocco, sul fondo di una fertile vallata. La città vecchia con i suoi edifici, i suoi mercati e le sue moschee, è uno dei centri più attraenti di tutto il mondo islamico.

La fondazione viene attribuita a Idrīs ibn Idrīs, discendente del profeta, nel VIII secolo. Nel 1250 divenne capitale. Distrutta in parte da un terremoto nel 1522, la capitale fu trasferita prima a Marrakech, poi a Meknès.

Fes ridivenne capitale nella prima metà del XIX secolo fino al 1912 quando il governatore coloniale francese Lyuatey si trasferì a Rabat. Fès è famosa per la sua medina, nome con cui gli europei indicano la parte vecchia delle città arabe, dalle strade tortuose e strette, in cui è facile perdersi.

Fra i monumenti più affascinanti c’è la madrasa degli Attārīn, i profumieri. Nella Moschea al-Qarawiyyīn del 857, si trova la sede della più antica università islamica. Oltre ai monumenti imperiali, Fes è famosa per i quartiere dei conciatori di pelli, con le vasche scavate sui tetti.

Viaggio in Marocco: Marrakech

Da non perdere, durante un viaggio in Marocco e città imperiali è Marrakech, il cuore pulsante del paese. Il suo centro è Jema el-Fna, la piazza attorno alla quale si sviluppa la città vecchia. Il suo aspetto cambia nel corso della giornata: di mattina e pomeriggio ospita il mercato all’aperto, con bancarelle di stoffe, datteri, spremute d’arancia, uova di struzzo.

A fianco, gli artigiani tradizionali: dai decoratori con l’henné ai cavadenti, dagli indovini agli acrobati, dai suonatori di piazza agli incantatori di serpenti. Quando poi scende la sera, vengono disposte tavole e panche per cenare con couscous e tajine, allietati da musicanti gnaoua e cantastorie.

Con il nostro viaggio in Marocco proverete l’esperienza della cena in riad. Le antiche case tradizionali delle classi abbienti, oggi trasformate in strutture ricettive. L’aspetto dal fuori è modesto, nella tradizione araba, secondo la quale il fasto andava conservato fra le mura domestiche. Oltre l’ingresso si aprono giardini interni e cortili, decorati da fontane e alberi di agrumi.

 

I Berberi

Gli Imazighen sono gli uomini liberi, che abitano buona parte del deserto del Sahara e del Nord Africa. In Occidente sono conosciuti come Berberi, dal francese bèrbèr… ovvero barbari.

I berberi furono i primi nel Maghreb a possedere civiltà e cultura proprie. Le loro origini sono antichissime, addirittura risalenti al paleolitico delle prime migrazioni dallo Yemen, proseguendo per tutta la storia del Nord Africa in sovrapposizione a popoli ugualmente antichi. Ad esempio, gli antichi egizi conoscevano alcune tribù berbere, come i Libu e i Mushuash, che intorno al 1000 A.C riuscirono anche a dare vita a una dinastia di faraoni.

Tuttavia, è solo intorno al III secolo a.C. che si iniziano ad avere le prime informazioni dettagliate sui regni berberi.

Questo perché passarono dall’essere del tutto nomadi, a stabilirsi sulle rive del Mediterraneo. Nacquero così il Regno di Numidia o quello di Mauritania, legati a celebri personaggi dell’antichità come Massinissa, Giugurta e Giuba II. Dalla conquista Romana in poi, i berberi hanno sempre dovuto fare i conti con dominazioni straniere. Tra questi, quella araba, che continua a segnare il rapporto di convivenza nel Marocco odierno.

Per conoscere veramente i berberi e la loro cultura, bisogna fare un viaggio oltre il Marocco delle città imperiali, superando le montagne e i deserti del Sud. L’itinerario migliore e più spettacolare dal punto di vista paesaggistico è la cosiddetta Valle delle Mille Kasbah, oltre Ouarzazate.

Da qui passavano le carovane che dall’Africa meridionale trasportavano schiavi, oro e spezie. Furono proprio questi preziosi carichi a far nascere una nobiltà del deserto, che riusciva a sopravvivere al deserto con le cittadelle fortificate: le kasbah, in berbero.

 

Viaggio nel Marocco imperiale: consigli

Il Marocco è un Paese freddo, con il sole caldo, come dicono gli abitanti stessi. Gli inverni assomigliano a mezze stagioni, con lunghe giornate soleggiate e beneficiano dei venti caldi provenienti dall’entroterra. È il momento ideale per visitare il Paese e scappare dal rigido freddo europeo.

Benché sia un paese musulmano, è anche abituato ai turisti da tutto il mondo. Da nessuna parte vi verrà chiesto un abbigliamento particolare, se non nei luoghi di culto.

I cittadini italiani possono viaggiare per turismo in Marocco. È solamente necessario il passaporto in corso di validità.
Controlla il sito ufficiale di VIAGGIARE SICURI per gli ultimi aggiornamenti.

 

È il momento di iniziare il tuo viaggio: si parte a Marzo 2024.

MAPPA DEL VIAGGIO

MAPPA VIAGGIO MAROCCO IMPERIALE

 

Programma del viaggio in Marocco a febbraio in breve

1° giorno, sabato 16 marzo 2024: Milano Malpensa > Casablanca
Ritrovo dei signori partecipanti all’aeroporto di Milano Malpensa e partenza con volo di linea Royal Air Maroc delle 16h55 per Casablanca. Arrivo previsto alle 20h10, incontro con la guida e discesa in hotel. Cena libera.

2° giorno, domenica 17 marzo 2024: Casablanca > Rabat
Prima colazione e cena in hotel. Pranzo in ristorante.
Mattinata dedicata alla visita panoramica della città. Nel pomeriggio, proseguimento per Rabat e qui visita. Al termine delle visite, trasferimento in hotel e sistemazione nelle camere riservate.

3° giorno, lunedì 18 marzo 2024: Rabat > Volubilis > Fes
Prima colazione e cena in hotel. Pranzo in ristorante.
Trasferimento a Fes con sosta lungo il percorso per la visita del sito archeologico di Volubilis. Arrivo a Fes in serata e sistemazione in hotel nelle camere riservate.

4° giorno, martedì 19 marzo 2024: Fes
Prima colazione e cena in hotel. Pranzo in ristorante.
Intera giornata dedicata alla visita di Fes, con la vecchia medina dei quartieri artigianali dei ceramisti, dei tessitori e dei conciatori, le scuole coraniche Bounania e Attarine, la fontana Mejjarine, la moschea Karaouine e la Fés Jdid.

5° giorno, mercoledì 20 marzo 2024: Fes > Midelt > Erg Chebbi (Merzouga)
Prima colazione in hotel. Pranzo in ristorante. Cena al campo tendato.
In mattinata partenza per Midelt, attraversando la zona collinare di Ifrane e Zad. Proseguimento attraverso le gole di Ziz verso Merzouga, dove si lascerà il bus per il proseguimento in jeep 4×4 nel deserto. Arrivo previsto a dorso di cammello dopo il tramonto. Cena e nella notte grande show del cielo stellato!

6° giorno, giovedì 21 marzo 2024: Erg Chebbi (Merzouga) > Rissani > Tinghir > Gole di Todra > Ouarzazate
Prima colazione al campo tendato. Pranzo in ristorante. Cena in hotel.
Escursione a dorso di cammello per assistere all’alba sulle dune. Rientro al campo per la prima colazione e successiva partenza in bus verso Rissani, l’oasi di Tinghir e la valle del Todra. Proseguimento per Ouarzazate, sistemazione in hotel nelle camere riservate.

7° giorno, venerdì 22 marzo 2024: Ouarzazate > Ait Benhaddou > Marrakech
Prima colazione e cena in hotel. Pranzo in ristorante.
Visita di Ouarzazate, con la kasbah di Tourirt e di Ait Benhaddou. Proseguimento per Marrakech, discesa in albergo e sistemazione nelle camere riservate.

8° giorno, sabato 23 marzo 2024: Marrakech
Prima colazione in hotel. Pranzo in ristorante. Cena in riad. Intera giornata dedicata alla scoperta della città imperiale.

9° giorno, domenica 24 marzo 2024: Marrakech > Essaouira
Prima colazione e cena in hotel. Pranzo in ristorante. Partenza per Essaouira e visita della città.

10° giorno, lunedì 25 marzo 2024: Essaouira > El Jadida > Casablanca
Prima colazione e cena in hotel. Pranzo in ristorante. In mattinata partenza per Casablanca con sosta lungo il percorso per la visita di El Jadida con la fortezza di Azzemour e la cisterna portoghese.
Arrivo a Casablanca (110km, 1h50’) in serata e sistemazione nelle camere riservate in hotel.

11° giorno, martedì 26 marzo 2024: Casablanca > Milano Malpensa
Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto in tempo utile per l’imbarco sul volo Royal Air Maroc AT 950 delle 12h45 per Milano Malpensa. Arrivo previsto alle 15h55 dopo 3h05’ di volo.

TOUR GALLERY

viaggio-marocco-deserto-merzouga
viaggio-marocco-fez
viaggio-marocco-marrakech-piazza
viaggio-marocco-rabat
viaggio-marocco-medina
viaggio-marocco-deserto-merzouga
viaggio-marocco-fez
viaggio-marocco-marrakech-piazza
viaggio-marocco-rabat
viaggio-marocco-medina
facebook