TRANSILVANIA

TRA CASTELLI E MONASTERI

Viaggio in Transilvania

“Ci sarà ad aspettarvi la mia carrozza che vi porterà fin qui. Spero che il viaggio da Londra sia stato buono, e vi auguro un felice soggiorno nella mia bella terra.”

In un viaggio in Transilvania i castelli sono cupi, le montagne sono avvolte dalla nebbia, i vampiri si scacciano con le teste d’aglio. Potere degli stereotipi.

Ma quando i rom vestiti di rosso attraversano i campi nelle trazzere di campagna dove ancora circolano carri e cavalli e il vento scuote le imposte di legno dai color pastello delle chiese fortificate transilvane, gli stereotipi prendono magicamente vita.

 

Inizia insieme a noi il tuo viaggio in Transilvania:
– Viaggio in Transilvania cosa vedere
– Viaggio in Transilvania cosa serve
– Dracula
– Viaggio in Transilvania consigli

 

Viaggio in Transilvania cosa vedere

Un viaggio in Transilvania non può che iniziare dalla capitale del Paese. In romeno è Bucureşti, che si dice derivi da bucurie, felicità. Affacciata sul fiume Dâmboviţa, è la città più popolosa della Romania e la sesta più popolosa dell’Unione Europea. Una metropoli giovane e proiettata nel futuro, pur mantenendo le proprie radici.

Bucarest ha sofferto grosse perdite e distruzioni durante la II guerra mondiale, a causa del terremoto del 1940 e dei bombardamenti. Quando, alla fine degli anni ‘70, un altro terremoto distrusse un terzo del centro storico, Nicolae Ceauşescu lo ricostruì con edifici in stile comunista.

Tra questi, il Centro civico e Palazzo del Popolo, divenuto poi sede del Parlamento, è reputato essere il più esteso edificio al mondo dopo il Pentagono e tra i dieci edifici più egocentrici del pianeta.

Viaggiando da Bucarest verso il centro del Paese, si incontra la storica regione della Transilvania. Protetta dai Monti Carpazi, letteralmente il suo nome significa “zona oltre la Foresta” e già percepiamo l’atmosfera gotica che la attraversa. Nel corso della propria storia, la Transilvania è stata abitata da Magiari, Tedeschi, Ebrei che hanno lasciato un’eredità architettonica, culturale e gastronomica.

Spingendosi ancora più a nord, si arriva in Bucovina, la regione più settentrionale della Moldavia. Qui i protagonisti sono i monasteri affrescati, dichiarati Patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

Visiterai più famosi con il nostro viaggio: Voronet, Sucevița e Moldivita.

 

Viaggio in Transilvania cosa serve

Oggi, i cittadini italiani possono viaggiare per turismo in Romania. Facendo parte dell’UE, anche non dello spazio Schengen, è sufficiente la carta d’identità valida per l’espatrio.
Controlla il sito ufficiale di VIAGGIARE SICURI per gli ultimi aggiornamenti.

 

Dracula

Costruito nella seconda metà del 1300, a strapiombo su un dirupo al confine tra la Valacchia e la Transilvania, il Castello di Bran non è solo un importante monumento nazionale rumeno, ma anche un luogo letterario. Considerato uno dei dieci castelli più belli d’Europa, ispirò la descrizione del castello di Dracula nel romanzo di Bram Stoker.

Tuttavia, non è il castello storicamente appartenuto al voivoda Vlad III di Valacchia. Il vero Castello di Dracula è la Fortezza di Poenari, ormai in rovina, che si trova a Arefu, presso Curtea de Argeş.

Qui, mito e storia si mescolano nelle stanze dove sono conservati gli strumenti di tortura, usati per vessare i prigionieri accusati di eresia.

La leggenda di Dracula permea ogni angolo della Transilvania. Anche Bistriţa è citata nel romanzo di Bram Stoker, Jonathan Harker alloggia all’Albergo della Corona d’Oro, in romeno Coroană de Aur. All’epoca in cui l’opera fu scritta, nella città non esisteva alcun albergo con questo nome, ma è stato aperto recentemente per dare vita al luogo letterario.

 

Viaggio in Transilvania consigli

Un viaggio in Transilvania soddisfa la fantasia gotica, ma se gli scenari vapireschi sono affascinanti avvolti dalla bruma, è la primavera il periodo migliore per visitare la Romania. Il clima è continentale nella zona centro-settentrionale, ma temperato al sud grazie al Mar Nero.

Durante l’inverno, dai Carpazi soffiano correnti fredde che abbassano le temperature, tanto è vero che nel nord si trovano le più popolari stazioni sciistiche del paese. Ad aprile le temperature sono gradevoli e attraversando la natura incontaminata di Transilvania e Bucovina si vede il paese fiorire.

La varietà di culture che l’hanno attraversata ha prodotto una grande ricchezza enogastronomica.

Oggi in Romania ci sono diversi presidi slowfood, come il branza de burduf. Ma la Transilvania ha anche una tradizione vinicola che si tramanda da secoli, fin dai tempi in cui i Romani la conquistarono e iniziarono a piantare le viti da vino in questa regione.

Durante il tuo viaggio in Transilvania prova piatti della tradizione, come il mămăligă, una specie di polenta, oppure il sarmale, involtini di cavolo, e i dolci a base di noci.

L’esperienza imperdibile è una cena in una delle birrerie storiche Art Decò di Bucarest, dove si brinda con il țuică, il tipico brandy di prugne.

 

È il momento di iniziare il tuo viaggio: si parte ad Aprile 2024.

MAPPA DEL VIAGGIO

mappa viaggio in transilvania

 

Programma del viaggio in Transilvania in breve

1° giorno, domenica 7 aprile 2024: Bergamo Orio al Serio > Bucarest
Ritrovo dei signori partecipanti all’aeroporto di Bergamo, disbrigo delle formalità d’imbarco e doganali e partenza con volo low cost Ryanair FR2287 delle 11h45 diretto a Bucarest. Arrivo previsto alle 14h55 locali dopo 2h10’ di volo, incontro con la guida e il bus riservato e trasferimento in centro città per il primo tour panoramico della capitale con il centro storico. Sistemazione in hotel nelle camere e cena.

2° giorno, lunedì 8 aprile 2024: Bucarest > Monastero di Cozia > Sibiu
Pensione completa.
Partenza per la Transilvania e visita del Monastero di Cozia a Călimăneşti (200 Km, 3h30’). Pranzo in ristorante e proseguimento per Sibiu (90 km, 1h30’). Visita del centro storico della città di origine sassone. Cena tipica contadina con me-nu tradizionale e bevande incluse. Al termine, trasferimento in hotel, sistemazione nelle camere riservate e pernottamento.

3° giorno, martedì 9 aprile 2024: Sibiu > Sighişoara > Târgu Mureş > Bistriţa
Pensione completa.
Partenza per Sighişoara (95 km, 2h00’), città natale del Principe Vlad III Tepes, l’impalatore. Visita guidata della città Patrimonio Unesco e pranzo presso la casa natale del principe. Proseguimento per Târgu Mureş (54 km, 1h) e visita panoramica della cittadina. Successivo trasferimento a Bistriţa (93 km, 1h45’), sistemazione in hotel nelle camere riservate, cena e pernottamento.

4° giorno, mercoledì 10 aprile 2024: Bistriţa > Vatra Moldoviţei > Suceviţa > Radauti
Pensione completa.
Partenza verso la Bucovina, la regione più settentrionale della Moldavia, celebre per la presenza di monasteri affrescati, dichiarati Patrimonio dell’umanità dall’Unesco (150 km, 2h45’). Pranzo in ristorante. Visita ai Monasteri di Voronet, Moldovita e Sucevita. Trasferimento in hotel a Radauti (20 km, 30’), sistemazione nelle camere riservate e cena.

5° giorno, giovedì 11 aprile 2024: Radauti > Agapia > Piatra Neamţ > Miercurea Ciuc
Pensione completa.
Partenza verso Agapia (105 km, 2h’) e visita del monastero. Continuazione verso Piatra Neamţ (50 km, 50’) celebre località sciistica e pranzo in ristorante. Proseguimento verso Miercurea Ciuc (145 km, 3h) attraverso una delle strade panoramiche più belle della Romania, che attraversa le gole di Bicaz, con pareti a strapiombo alte fino a 400 m. Sistema-zione in hotel all’arrivo, cena e pernottamento.

6° giorno, venerdì 12 aprile 2024: Miercurea Ciuc > Braşov > Bran > Sinaia
Pensione completa.
Partenza per Brasov (Km 100, 1h50’) e visita a piedi della città con il centro storico e la Chiesa Nera, la più grande Chie-sa gotica della Romania. Pranzo in ristorante. Proseguimento per Bran (30 km, 45’), e visita del suo castello, conosciuto come il Castello di Dracula. Trasferimento a Sinaia (Km 50, 1h), sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

7° giorno, sabato 13 aprile 2024: Sinaia > Bucarest
Pensione completa.
Visita del Castello di Peles, residenza estiva del primo re di Romania. Partenza per Bucarest (136 km, 2h), all’arrivo pranzo in ristorante e pomeriggio dedicato al completamento della visita della città, con ingresso al palazzo del Parlamento, il secondo edificio amministrativo più grande del mondo dopo il Pentagono, e visita alla Chiesa della Patriarchia. Sistemazione nelle camere riservate in hotel. Cena tipica presso il ristorante Caru Cu Bere, un’antica birreria in stile Art Decò. Rientro in hotel per il pernottamento.

8° giorno, domenica 14 aprile 2024: Bucarest > Bergamo Orio al Serio
Prima colazione in hotel.
Completamento delle visite di Bucarest con il Museo del Villaggio, un museo all’aria aperta di importanza etnoantropologica che raccoglie edifici originali della tradizione contadina provenienti da tutte le regioni della Romania. Pranzo libero e successivo trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo low cost Ryanair FR3773 delle 20h20 per Bergamo. Arrivo previsto alle 21h35, dopo 2h15’ di volo.

TOUR GALLERY

viaggio in transilvania brasov
viaggio in transilvania bucarest
viaggio in transilvania chiesa nera
viaggio in transilvania sighisoara
viaggio in transilvania bran
viaggio in transilvania brasov
viaggio in transilvania bucarest
viaggio in transilvania chiesa nera
viaggio in transilvania sighisoara
viaggio in transilvania bran
facebook