CROAZIA

MERAVIGLIE DELLA COSTA ILLIRICA

Viaggio in Croazia

Terra irredenta, di urbanizzazione romana e di sviluppo veneziano, in parte provincia italiana fino alla II guerra mondiale, la Dalmazia è una regione di olivi, erbe aromatiche, palme e agavi lussureggianti, che contrastano con l’azzurro del mare e dei laghi e il bianco accecante delle pietre antiche, che George Bernard Shaw, con tipica enfasi anglosassone, paragonò addirittura al paradiso terrestre.

Certo è che Ragusa e Spalato, Pola e Rovigno, Fiume e Parenzo, le mura e i palazzi veneziani e i grandi edifici della romanità imperiale, non possono che suscitare rammarico per aver perduto all’Italia tesori di tanta grandezza.

 

Inizia insieme a noi il tuo viaggio in Croazia:
– Viaggio in Croazia cosa vedere
– Natura in Croazia
– Viaggio in Croazia cosa serve
– Viaggio in Croazia cucina tipica
– Viaggio in Croazia curiosità

 

Viaggio in Croazia cosa vedere

Un itinerario di 7 giorni alla scoperta delle bellezze croate, tra natura e città.

Visiteremo Zara, la capitale storica della Dalmazia, che per secoli è stata una delle città più importanti della Repubblica di Venezia, che le appartenne fino alla sua caduta. Dopo la prima guerra mondiale, la città divenne la capitale dell’enclave italiana di Zara, ma fu annessa alla Jugoslavia dopo il trattato di pace del 1947. La città fu a lungo contesa tra Venezia e l’Ungheria, divenendo infine veneziana nel 1409, e passò in mano austriaca nel 1797 con il Trattato di Campoformio.

Ci si fermerà anche a Sebenico, un porto naturale situato alla foce del fiume Krka e collegato al mare da un canale naturale lungo 2,5 km. Rimasta sotto il dominio ungherese fino al 1322, poi passò alla Repubblica di Venezia fino al 1357. Non potete perdervi la Cattedrale di San Giacomo, patrimonio mondiale dell’UNESCO, con il suo abside dove corre un fregio con teste scolpite che rappresentano i 71 abitanti della città all’epoca della costruzione della chiesa.

Spazio poi per Trogir, il cui centro storico risale al XIII secolo, una delle città venete più belle e meglio conservate di tutta la Dalmazia. Dopo secoli di alti e bassi, tra cui la conquista saracena e la distruzione della città nel 1123, passò sotto il controllo della Repubblica di Venezia nel 1420 e vi restò fino all’arrivo delle truppe di Napoleone.

Queste sono solo alcune delle tappe di questo viaggio in Croazia, preparatevi a partire per scoprire le altre!

 

Natura in Croazia

Secondo la Commissione Europea, la Croazia è un paradiso verde con il suo clima favorevole e la fauna unica tra cui grifoni, cavalli selvaggi, orsi bruni e delfini.

In alcune località, come il Velebit e le isole del Quarnero, si possono trovare oltre 3.000 specie di flora diverse. Le peculiarità della posizione della Croazia tra Europa, Asia e Africa, nonché le favorevoli condizioni climatiche e idrologiche, hanno creato un’eccellente biodiversità e diversità geologica, oltre a numerosi paesaggi. Pochi paesi al mondo possono vantare un ambiente naturale così ricco in un territorio piccolo come la Croazia.

Da decenni i biologi studiano le proprietà di quest’area per stimarne il valore. Ad oggi, in quest’area sono state scoperte e registrate più di 40.000 specie e sottospecie animali, dalle più piccole, appena visibili a occhio nudo, alle più grandi conosciute da tutti, come lupi, orsi e cervi.

La Croazia possiede anche aree naturali di straordinaria bellezza. Molte aree fluviali appartengono ad aree protette, parchi nazionali, riserve naturali, parchi forestali, parchi naturali, paesaggi protetti o monumenti naturali.

L’area fluviale attorno al fiume Krka è parco nazionale dal 1985. Grazie al suo mondo di cascate e barriere di tufo in continua evoluzione, questo fiume carsico è un fenomeno naturale unico dal quale dipendono anche la flora e la fauna circostante nel processo di evoluzione.

Spostiamoci invece ai Laghi di Plitvice, dove le principali attrazioni del parco sono 16 laghi collegati da cascate create da depositi di travertino, uno speciale tipo di calcare. Il parco nazionale comprende anche le sorgenti del fiume Korana, il tutto circondato da fitte foreste di faggi, abeti e ginepri. Questo parco è particolarmente suggestivo con le sue numerose grotte, sorgenti e prati. Qui trovano riparo tanti animali protetti, tra cui l’orso bruno.

 

Viaggio in Croazia cosa serve

Per viaggiare in Croazia è necessario il passaporto o la carta d’identità, in corso di validità per l’intera durata del soggiorno.
Controlla il sito ufficiale di VIAGGIARE SICURI per gli ultimi aggiornamenti.

 

Viaggio in Croazia cucina tipica

La cucina tradizionale croata è ricca e diversificata, piena di ricette caratterizzate dall’uso parsimonioso e sapiente degli ingredienti che sono alla portata di tutti.

Partiamo con la Komiska pogača, una focaccia sostanziosa e aromatica prodotta a Komiža (Komisa), un piccolo villaggio costiero sull’isola di Vis (Lissa), ai piedi della collina di Hum. Gli abitanti di questo villaggio sono tradizionalmente appassionati di pesca, e non sorprende che la cucina nazionale includa il pesce salato, che viene prodotto da tempo immemorabile in tutti i villaggi della costa croata. La base della focaccia è una pasta lievitata, con all’interno di un ripieno a base di cipolle rosse, pomodori crudi o pelati, pesce sotto sale come acciughe o sarde, spezie varie e i capperi.

Il soparnik è invece una specialità gastronomica che ha origine nella regione storica chiamata Poljička Republika, che comprende l’area attorno al monte Mosor a est della città di Spalato. È considerato un alimento povero a causa dei suoi ingredienti semplici. Prima di mangiarlo, è importante condire il soparnik con un po’ di aglio e olio d’oliva per renderlo ancora più delizioso.

Lo Strukli  è una specialità culinaria tradizionale del Hrvatsko Zagorje, tanto che un tempo nessuno non aveva gli ingredienti per prepararlo. Lo strukli viene servito fondamentalmente in due modi: bollito o al forno, e in due versioni: dolce o salato. L’impasto base ripieno di formaggio vaccino a pasta molle è lo stesso per entrambe le ricette. La differenza è che gli strukli cotti in abbondante acqua salata possono essere conditi con lardo fuso e pangrattato (o serviti come zuppa), mentre gli strukli cotti al forno necessitano di essere cosparsi di panna acida prima di essere infornati.

 

Viaggio in Croazia curiosità

Se siete cinefili dovete sapere che…
Proprio in Croazi la città medievale di Dubrovnik è stata scelta per girare le scene di “Approdo del Re” della serie “Il Trono di Spade” e si tengono dei tour della città dove gli appassionati possono seguire le orme dei protagonisti della serie.

Il Trono di Spade non è però l’unica serie o film che ha ceduto al fascino della Croazia. Anche l’episodio 8 di Star Wars: Gli ultimi Jedi è stato girato a Dubrovnik e due film vincitori di Oscar, “Il violinista sul tetto” e “La scelta di Sophie” hanno scelto le città croate come scenografia!

Prima dell’euro…
La vecchia moneta croata era chiamata Kuna, che significa martora.
La pelliccia di martora veniva infatti originariamente utilizzata per il commercio nelle zone che oggi fanno parte dello stato croato. Nell’alto medioevo questo bene acquisì un valore monetario specifico e costante e cominciò a funzionare come mezzo di denaro. Nello stesso periodo venne adottata per il pagamento di tasse e tributi, divenendo il nome dell’imposta allora riscossa.

Lo sai fare un nodo alla cravatta?
Alcune curiosità sulla Croazia sono legate alla nascita della cravatta e, come spesso accade quando si parla di origini e tradizioni, la storia lascia spazio a più versioni.

Si dice che questo accessorio sia stato creato in Croazia nel XVII secolo, ma esistono diverse teorie sul suo scopo principale. La teoria più conosciuta è che questi fazzoletti, spesso di seta, fossero usati dai soldati che difendevano il sovrano francese Luigi XIII. Tuttavia, alcuni dicono che le donne innamorate legavano sciarpe attorno al collo degli uomini per esprimere i loro sentimenti.

 

È il momento di iniziare il tuo viaggio: si parte a Settembre 2024.

MAPPA DEL VIAGGIO

viaggio-in-croazia-mappa

 

Programma di viaggio in breve

1° giorno, lunedì 16 settembre 2024: Bergamo Orio al Serio > Zara > Isole Kornati > Zara
Ritrovo dei signori partecipanti all’aeroporto di Bergamo Orio al Serio.
Incontro con la nostra assistente e disbrigo delle formalità d’imbarco e doganali. Partenza con volo low cost Ryan Air FR5148 delle 06h00 diretto a Zara. Arrivo previsto alle 07h10, dopo 1h10 minuti di volo.
Incontro con la guida e trasferimento al porto per l’escursione in barca al Parco Nazionale delle Isole Kornati. Pranzo a bordo in corso di escursione.
Al termine discesa in hotel, sistemazione nelle camere riservate, cena e pernottamento.

2° giorno, martedì 17 settembre 2024: Zara > Parco Nazionale dei laghi di Plitvice > Zara
Mezza pensione.
Partenza per Plitvice (120 km, 1h45’) e visita al più famoso parco naturale del Paese. Nel tardo pomeriggio rientro a Zara per la cena e il pernottamento.

3° giorno, mercoledì 18 settembre 2024: Zara > Sebenico
Mezza pensione.
Mattinata a disposizione per la visita di Zara. Successiva partenza per Sebenico (90 km, 1h) e visita della città antica. Discesa in hotel, sistemazione nelle camere riservate e cena.

4° giorno, giovedì 19 settembre 2024: Sebenico > Parco Nazionale di Krka > Trogir
Mezza pensione.
Partenza per la visita al Parco Nazionale di Krka (12 km, 30’), con giro in barca al monastero francescano all’isola di Visovac.
Proseguimento per Trogir (60 km, 1h00’). Sistemazione nelle camere riservate e cena.

5° giorno, venerdì 20 settembre 2024: Trogir > Spalato > Dubrovnik
Mezza pensione.
Visita del centro storico di Trogir. Successiva partenza per Spalato (30 km, 40’) e tempo a disposizione per la visita della città compresa nel grande palazzo di Diocleziano.
Proseguimento per Dubrovnik (230km, 3h30’). Sistemazione in hotel per la cena e il pernottamento.

6° giorno, sabato 21 settembre 2024: Dubrovnik > Bergamo Orio al Serio
Prima colazione.
Intera giornata dedicata alla visita della città: la Porta di Pile, lo Stradun, la Fontana d’Onofrio, il Monastero Francescano con l’antica Farmacia, il Monastero Domenicano, la Chiesa di S. Biagio, il Palazzo dei Rettori, la Cattedrale. Trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo low cost Ryan Air FR 5935 con partenza Bergamo Orio al Serio alle 20h25. Arrivo previsto alle 22h05, dopo 1h40’ di volo.

TOUR GALLERY

viaggio-in-croazia-laghi-di-plitvice
viaggio-in-croazia-spalato
viaggio-in-croazia-sebenico
viaggio-in-croazia-zara
viaggio-in-croazia-dubrovnik
viaggio-in-croazia-laghi-di-plitvice
viaggio-in-croazia-spalato
viaggio-in-croazia-sebenico
viaggio-in-croazia-zara
viaggio-in-croazia-dubrovnik
facebook